Adam and Eve Raised Cain

We all know how hard it is for talent to emerge in the art field. That is why from time to time, in my own small way, I have tried  to give voice to young promising artists; some of them went on with their careers with excellent results, as did Fulvio Risuleo whose work I wrote about and who then won the first prize of the “Semaine de la Critique” at Cannes Film Festival.
I say this not to brag about my farsightedness, but in the secret hope that Bizzarro Bazar might turn out to be bringing good luck also in the future: today I would like to present you with a curious Italian stop-motion short film which in my view is a true little gem.

Entitled Adam and Eve Raised Cain, it was written, directed, animated and edited by Francesco Erba, born in 1986, from Bergamo.
Before discussing the short with his author, I advise you to take some 20 minutes off and let yourself drift into the fark, disturbing atmosphere of this little film.

The short film starts off with a declaration of love to Sci-Fi B-movies from the Fifties (Jack Arnold, Roger Corman, Bert I. Gordon  and their giant radioactive monsters), and goes on to pay homage even to the father of fantasy in motion pictures, Georges Méliès.
But the true references here are to horror and science fiction film directors from the Eighties, Carpenter, Hooper or Cronenberg. These nods are perfectly inserted in their context (an all too rare occurrence these days): the main character’s passion for monster movies, for instance, becomes a pivotal dramatic element in a scene where the child’s toys are sold, a psychologically scarring moment for little Albert.
Any citationism, even when done with a purpose, entails the risk of breaking the spectator’s identification, projecting the public “outside” of the film, and lessening its emotional impact. It could be because of the visceral and painful nature of the themes addressed in this short, but Francesco Erba succeeds in the task of creating an even stronger connection with his character: it’s as if, when observed through the filter of the American movies the 80’s generation grew up with, Albert’s trauma became more recognizable, more humane – despite his rough stop-motion puppet appearance.

Since he was a child, Francesco has been living and breathing cinema. How could he tell a tale of fear and love, if not by going back to those films which frightened him or made him fall in love?
This, in my opinion, is the admirable subtlety of Adam and Eve Raised Cain, a sensitivity which many narratives of nostalgia lack.
Behind the animated film facade, behind the entertainment, Erba is depicting a world of solitude and mental cages. And whenever he relies on some vintage stylistic elements, he’s not throwing them to his audience like peanuts just to stimulate some cinephile pavlovian response: he is using them because, to him, they still represent the best (maybe the only) way to really tell us about the wounds and anguish tormenting his character, both a victim and a perpetrator.

I asked Francesco Erba a few questions about his work.

How was this project born, and how did you manage to make it happen?

The concept for Adam and Eve was one of many sitting in my “Ideas” folder, on my laptop. After spending much time working with and for others, I decided it was time to shoot something new for myself. Sifting through the folder (and discarding all million-budget ideas!), the one that was left was a live-action version of Adam and Eve.
I started working on it, inserting new elements and focusing on the structure until I realized what I was really trying to tell: my film was about imprisonment, in all its possible meanings.

Once the script was completed, it started to dawn on me that this film could – should – be realized in stop motion: enclosing some puppets in a 1.5x1m box would cartainly take this idea of “imprisonment” to the extreme.

I knew all too well that to shoot this film in stop motion, as I had it layed out and with the resources at hand, it would take at least 2 years of work. I had to prepare a complete storyboard, character studies and preliminary drawings, set and prop construction, sculpting and mold making, motion tests, all leading up to several weeks of shooting in a dark room. And then the digital effects, and compositing the live actors’ eyes on the latex puppets, a process that had to be done frame by frame…

I mustered up all my masochism, started filming, and in the end I discovered I was even too optimistic. It took nearly three and a half years to complete the short movie!

Was the choice of stop motion limiting or did it give you more freedom? Which challenges were the most tough in producing the film?

Stop motion, which I do not consider just an animation technique, but THE animation technique, has an unquestionable charm which transcends time and technological innovations. But it can also be a real bitch!
If on one hand it allows full artistic freedom even on a tight budget, on the other it is certainly demanding in shooting time, shooting process, scenic design (sometimes down to miniaturization). Every aspect needs to be considered in advance, carefully calculated and measured, and you very often have to use your ingenuity to bypass problems: if I cannot move my camera, then I need to build a slider rig, and so on.

All these limitations, I think, really disappear when looking at the final result, at what you can create with this incredible technique. Take for example the movies produced by Laika today: they teach us that stop motion, although very old and almost the same age of cinema itself, has no limits other than those dictated by budget or creativity.

Adam and Eve seems to tap into the current vein of nostalgia for the 80’s (Super 8, Stranger Things, the San Junipero episode from Black Mirror, etc.). Did any film in particular inspire you? Is there some director’s work you had in mind while writing the script?

The short was filmed back in 2011, before this new wave of nostalgia for the cinema of the 80’s and 90’s (at least I chose to put it online at the right time!). Inevitably, it ended up containing many elements from the films I grew up with, which are now part of my DNA; these are references I cannot leave out of consideration.

Actually when you think about it, even those cinematic references coming from my imprinting are enclosed, like the rest of the story, in a chinese box system. Besides the cinema from the 80’s and 90’s, I chose to include some references to the films those very directors took inspiration from and sometimes plagiarised, namely monster movies from the 50’s. Taking it to the extreme, as I did with every aspect of the short, I went even further, paying homage to Méliès himself.

Sometimes directors get asked to summarize in few words the style they’re aiming for. My answer, right from the start, was: “think Rob Zombie doing stop-motion animation”. A coarse, wicked, sharp and sometimes repulsive style, which had to be recognizable in each aspect of the film.
But ofcourse I’m semplifying. If I think back to all the directors who inspired me, it might look like a meaningless list, and yet in Adam and Eve‘s world of opposites and extremes they make perfect sense to me: Carpenter, Cronenberg, Jackson, Spielberg, Selick, Park Chan-wook, Harryhausen, Quay, Svankmajer, Peter Lord and Aardman, Laika… they all influenced in a creative way the approach I chose for this short film, and its genesis.

The film shows extremely adult themes: phobia, alienation, family violence, unwanted pregnancy, despair. Yet all this is filtered through obvious irony: the handcrafted animation and the homages to the imaginary of American cinema make the film a “second level” experience. I personally find this ambiguity to be one of the strenghts of the project. But in your intent, should Adam and Eve be seen as pure entertainment, or taken more seriously?

This is one aspect of the “research” which I very humbly try to carry on with my work. One of he constants that can be found in everything I’ve done until now, from short films to music videos, from a pilot for a children TV show to the feature film I’m working on, is a search for the limit and the balance between two opposite extremes.

Using stop motion (which is often regarded as a technique for “children movies”) to tell an adult story, making an adult film about imprisonment, alienation and phobias with latex puppets, this is already a strong combination. To “cage” a real actor’s eyes inside the puppet, thus closing him within these narrow limits, to me is a further exaggeration of this concept. If you then imagine myself, the animator, stuck in strange positions and “prisoner” of a small dark room, the narrative gets really dizzying!

And what about the entertainment? Well, I’m not one of those who think cinema has the power to save the world, but it certainly makes it a little better. To me, films should not try to give answers, just to ask questions and create emotions.  It you’re looking for important answers, you’d better get a ticket for the museum, rather than for the movie theatre.
According to this philosphy, Adam and Eve is of course to be taken as a visual experience and not just as an artistic research: I think the scenes in which I “physically” enter the main character’s brain to show his past. make it clear that it’s also meant to be a product of pure entertainment.

This short film must have been quite a training ground. Will you continue with animation? What are your future projects? 

I am finishing my first live action feature film: here my personal research has evolved even further, as my movie is narratively and stylistically composed of an investigative report, a mockumentary and a more “traditional” film.
In the last few months I have been working on a TV animated puppet series for 5/6-years-old children, a project I very much believe in, and which gave me the opportunity to experiment with a different kind of animation.

As for stop motion, its “call” is very strong, despite the huge sacrifices that Adam and Eve demanded. One day I would love to be able to film my peculiar horror version of Peter Pan, or another small short film on Tesla and Edison.
A director’s work is often based on human interaction and mediation… I confess I sometimes miss being alone in my little dark room, moving my puppet’s head frame after frame!

Here is Adam and Eve Raised Cain Facebook page.

Emoscambio

Sui piloni dei viadotti italiani, lungo le autostrade, sul cemento dei muri di contenimento o sui cartelli stradali appaiono talvolta strane ed ermetiche scritte. La più celebre è DIO C’È. Secondo una leggenda metropolitana, sarebbe opera di un frate francescano che, percorrendo l’Italia a piedi, avrebbe deciso di quando in quando di riaffermare (assecondando istinti piuttosto vandalici, a dire il vero) l’esistenza del Signore. Un’altra spiegazione, mai pienamente confermata, è che si trattasse di un linguaggio in codice camorristico per segnalare la presenza di spacciatori nei paraggi: qualche appassionato di enigmistica ha addirittura pensato che la scritta fosse un acronimo per “Droga In Offerta: Costo Economico”.

Ancora più incomprensibili e spiazzanti erano i caratteri cubitali che sembravano pubblicizzare o profetizzare un misterioso EMOSCAMBIO, con una caratteristica “E” disegnata come la lettera greca sigma, e seguiti da un numero di telefono. Se ne ricorderà chi, nato negli anni ’70, viaggiava spesso in Nord Italia: campeggiavano su casolari abbandonati, fabbriche in disuso e altri punti poco frequentati. Ma a cosa facevano riferimento quei criptici messaggi sullo “scambio di sangue”?

DSC_3213

DSC_3538

vlcsnap_00003

La realtà che si cela dietro alle scritte è sorprendente, e rimane ancora in parte inspiegata. Chiunque si fosse appuntato il numero telefonico, e avesse deciso una volta tornato a casa (non esistevano i cellulari allora!) di saperne di più sul fantomatico emoscambio, avrebbe sentito dall’altro capo della cornetta una segreteria telefonica che lo ragguagliava sui punti salienti di una particolare teoria salutistica, invitandolo poi a spedire un contributo di almeno 10.000 lire ad una casella postale dell’aeroporto Linate a favore dell’I.I.D.F., Istituto Italiano di Fisiologia.

Ora, un simile Istituto non è mai esistito. Il numero di telefono era quello di un’abitazione privata di Segrate (MI), dove viveva un signore di nome Vito Cosmaj.

L’unica traccia ufficiale dell’attività di Cosmaj si può trovare nei bollettini del Registro Pubblico Generale delle opere protette dalla legge sul diritto d’autore relativi alla fine degli anni ’70: in quel periodo risulta che Vito Cosmaj avesse facoltà di godere dei diritti di alcune opere edite a sue spese, vale a dire il trattato Fisiologia Universale (Umana Sociale e Cosmica), edito a Lodi dallo stampatore Lodigraf nel 1978, il manuale intitolato T.A.F. – Tecnologia dell’Amplesso Fisiologico (registrato il 13/03/1980), una sua revisione (del 30/12/1980) e infine nientemeno che un Vangelo Secondo Vito Cosmaj (13/10/1980).

Già questi titoli sarebbero abbastanza eccentrici da stimolare la fantasia di un qualsiasi indagatore. Ma quando si scopre a quali ricerche si dedicasse il nostro Cosmaj, le cose si spingono ancora più fuori dall’ordinario.

Uno dei fondamenti della sua dottrina era la cosiddetta T.A.F., o Tecnica dell’Amplesso Fisiologico, volta a ristabilire la corretta posizione durante l’accoppiamento: secondo Vito Cosmaj, era essenziale ritornare alla copula naturale, tipica di tutti gli animali, in cui l’uomo prende la donna da dietro, restando in piedi. Far l’amore a letto nella posizione del “missionario”, invece, era a suo dire una perversione inaccettabile, “posizione sbagliata, innaturale e non fisiologica (ossia pornografica, tolemaica, cristiano-ebraica islamico-democristiana)”.

40e025335d0703ec3bf66ebbc0719b227f9698e5

app0002jg2

I volantini distribuiti da Vito Cosmaj sono un piccolo capolavoro dell’assurdo, che ricorda il futurismo e il surrealismo: per mezzo di costanti divagazioni e pungolature alla politica e alla borghesia, l’autore disegna una specie di folle programma pseudoscientifico per rivoluzionare la realtà italiana. Il gusto dissacrante e ironico è evidente, a partire dalle invenzioni linguistiche (fare sesso con il metodo T.A.F. diventa “taffare”, la laurea che è possibile conseguire presso il fantomatico Istituto è chiamata “Addottorato”, ecc.) fino alla finta pubblicità che reclamizza una cintura di castità prodotta dalla Virgo-Virginis S.p.A. di Palermo, dal capitale sociale di 999 miliardi di lire “interamente versato”…
Prendiamo ad esempio la descrizione dell’esame finale per ottenere l’Addottorato:

PER OTTENERE la suddetta laurea è necessario superare un esame con prova pratica ed orale in seno all’I.I.D.F.
L’ADDOTTORATO in questione è riservato ai soli MASCHI celibi, ammogliati, separati, divorziati, vedovi, ecc. ecc. di nazionalità italiana con età non inferiore agli anni 21, mentre tale laurea è interdetta alle femmine per ovvi motivi, ai religiosi (preti, frati, vescovi, cardinali, papi, ajatolli, archimandritti, ebrei, buddisti, maomettani, cristiani, democristiani, testimoni di geova, protestanti, ortodossi, valdesi, ecc. ecc.), ai reclusi, agli unisex, ai dementi e ciarlatani che insegnano ed hanno imparato la fisiologia negli atenei del nostro “glorioso Stato Italiano”, e a tutti coloro insomma che non avranno superato l’esame per qualsivoglia motivo […]. L’I.I.D.F. non procura femmine da taffare agli esaminandi. È proibita ogni forma di leccamento, succhiamento, masturbazione o toccamento manuale agli organi sessuali da parte di entrambi i soggetti. L’unica eccitazione ammessa è il dimenare del sedere della femmina contro i genitali del maschio e viceversa per 20” dopo di che CHI NON HA EREZIONE OPPURE NON RIESCA A COMPENETRARE LA FEMMINA NELL’ORIFIZIO GIUSTO VIENE INESORABILMENTE BOCCIATO ED ESPULSO DALL’I.I.D.F. […] Premio di consolazione per i bocciati: uno stronzetto d’oro (falso naturalmente) da appuntare all’occhiello quale distintivo.

app0003bn4

Tra frecciate rabbiose alle religioni, alla Democrazia Cristiana e alla scienza, citazioni farlocche di Napoleone Bonaparte e del generale Cambronne, e virulenti aforismi, Cosmaj costruisce dei testi pirotecnici che avrebbero fatto la felicità di Queneau o di Umberto Eco.
Ancora sulla T.A.F.:

L’UOMO però imbecille come sempre, che si sente orgoglioso ed evoluto solo perché è riuscito a sbarcare sulla luna, mentre gli UFO sono ogni giorno di più una realtà e poi perché è riuscito a costruire una bomba (termonucleare) con la quale autodistruggersi, e poi perché è furbo a non finire, è riuscito a crearsi un DIO dentro il quale e per mezzo del quale giustificare tutti i misteri della natura e nascondere tutte le proprie capacità, miserie e limiti che non vuole riconoscersi per paura di perdere di dignità (anziché di trovarla) DOPO 2000 ANNI dal giorno in cui cominciò a misurare la propria esistenza, questa tecnica ancora ignora! PER I PAZZI ovviamente è più importante e più glorioso escogitare il sistema per autodistruggersi piuttosto che quello di vivere bene, armonicamente ed equilibratamente! […] L’UOMO CHE NON SA COMPIERE L’AMPLESSO (O MEGLIO TAFFARE) NUDO MENTRE GLI ALTRI LO OSSERVANO È UN UOMO CHE HA VERGOGNA DELLE PROPRIE AZIONI: Insomma NON È UN UOMO, MA UNA MERDA! (E per la donna vale lo stesso!)

app0004xk7

Ora, leggendo queste righe, la domanda sorge spontanea: Cosmaj ci era o ci faceva?
A prima vista tutta la questione dell’emoscambio sembra infatti un’elaborata burla, un esercizio di patafisica. Purtroppo Vito Cosmaj è morto nella prima metà degli anni ’90, e a parte il flano pubblicitario non rimangono altri indizi per conoscere qualcosa di più della sua visione. L’unica pista da seguire è trovare chi l’ha conosciuto di persona.

gian_paolo_vanoli_grillino_645

L’abbiamo fatto, chiedendo qualche delucidazione a un altro personaggio particolarmente colorito: Gian Paolo Vanoli, che si autodefinisce “Sovrano Individuale” e “Giornalista Investigativo specializzato in Sanità da 40 anni”. Gestore di un sito di medicina alternativa e recentemente al centro di polemiche a causa delle controverse dichiarazioni rilasciate a Vice e rimbalzate sui siti internazionali, Vanoli bazzica da sempre tutto il variegato sottobosco di teorie sanitarie non convenzionali ed è strenuo sostenitore delle virtù terapeutiche derivanti dal bere la propria urina. Ma quello che ci interessa qui è la sua relazione con Vito Cosmaj, che Vanoli ha conosciuto e della cui assoluta serietà riguardo all’emoscambio si dice convinto. Secondo Vanoli, il fulcro di tutto il pensiero di Cosmaj era proprio la trasfusione di sangue a fini salutistici.

Ci scrive Vanoli: “L’ho conosciuto incontrandolo solo una volta nella quale abbiamo parlato della sua teoria e mi sono convinto che la praticava personalmente con altri. Infatti gli avevo detto di fare molta attenzione perché con lo scambio del sangue si importano le tossine ed il DNA alterato dei donatori e quindi possibili malattie e morte prematura… cosa che si è realizzata in lui.
NON ricordo di cosa vivesse, perché sono passati molti anni.
NON era una burla, la praticava regolarmente ogni tanto.
Per me è una pratica antica, ma NON salubre, quindi non sono d’accordo nel propagandarla.

Il dubbio, però, resta. Sia che praticasse davvero delle pericolose trasfusioni, sia che la sua bizzarra propaganda nascondesse in realtà un progetto artistico o che il buon Cosmaj fosse semplicemente un po’ fuori di testa, le sue tracce sono ormai svanite. Anche le innumerevoli, gigantesche scritte che personalmente disegnava sulle superstrade o sugli edifici abbandonati stanno scomparendo a poco a poco, e con esse sparisce anche un folle e affascinante segreto.

Immagine-4

Ringraziamo il nostro lettore Silvio per averci segnalato questa pagina web, che ha iniziato le ricerche sull’emoscambio, e in particolare l’utente David che nella sezione dei commenti proprio su quella pagina ha approfondito la questione.

AGGIORNAMENTI

La questione dell’Emoscambio evidentemente appassiona i lettori. Nella sezione dei commenti sono spuntati alcuni aneddoti affascinanti, e ogni tanto qualcuno mi contatta con qualche nuovo tassello.

  • Solidea segnala che negli elenchi dei gettoni di necessità (“che circolavano anche negli anni 60/70, quando la Zecca dello Stato non riusciva a soddisfare le esigenze crescenti del conio di moneta […], vere e proprie pubblicità a pagamento“) si trova questo gettone relativo al periodo 1970-1980, altro tentativo promozionale per l’Emoscambio.

  • L’archivio Waybackmachine ha “salvato” per la consultazione il vecchio sito web dell’Emoscambio (segnalato da Gianmaria Rizzardi).
  • Il lettore Paolo ML ha invece trovato una curiosità all’interno del settimanale ABC (forse il n. 31 dell’agosto 1972,  la copertina è rovinata). Nella rubrica Risposte in breve, la corrispondente del giornale replica con ammirevole aplomb a una missiva inviatale dalla “Confraternita degli Emodinamisti” che evidentemente, oltre ad averle spedito un volantino, l’aveva anche apostrofata con un poco gentile epiteto — in puro stile Cosmaj.

Giocattoli weird

Talvolta i creativi dell’intrattenimento sviluppano idee che non incontrano il gusto del grande pubblico. Capita, non tutti i nuovi concept per giocattoli possono incontrare la fortuna. Certe volte, però, il fallimento sembra essere stato cercato appositamente, e con il lanternino.

“Se l’hula hoop ha avuto successo, anche la nostra Swing-Wing lo avrà sicuramente!”, devono essersi detti gli inventori di questo simpatico gioco – senza mostrare il minimo senso di pietà nei confronti delle cervicali dei poveri bambini.

Divertimento assicurato per tutta la famiglia con Ball Buster (“Spaccapalle”). Secondo la voce narrante i  bambini lo adorano… peccato che a metà dello spot si alzino annoiati, e i due genitori rimangano a giocare da soli… con le loro eccitanti palle da “spaccare”.

E cominciamo a parlare di bambole. Questa, ad esempio, è spacciata per un giocattolo irresistibilmente comico. L’effetto dello spot è esattamente l’opposto, e questa bambola sghignazzante potrebbe tormentare i vostri incubi per molto tempo.

Il bambolotto che fa pipì è un po’ un classico:

http://www.youtube.com/watch?v=NWbkbGjIYRI

E allora, perché non regalare al vostro bambolotto urinante un amico per la vita, e farlo accompagnare da un cane sbavante?

E, per concludere in bellezza questa breve panoramica, eccovi lo spot che porta il cattivo gusto ad un livello inedito. Il catastrofico doppio senso avrebbe dovuto impedire la messa in onda di una simile pubblicità; e invece, che ci crediate o no, lo spot è passato in televisione.