Hatari

Article by guestblogger Verina Romagna

The 2019 edition of the Eurovision Song Contest is open, the audience waves their flags in the stalls or collapses on the couch at home to watch the live event on TV: everyone is dazzled by the glittering, ever-smiling singers, by catchy songs obsessively repeating “love, love, love”.
It is now Iceland’s turn, a small competitor which never turned out to be very successful or surprising, and suddenly the stage turns blood red. With a harsh metallic beat, the scene is revealed: there’s a cage, and a group of androgynous creatures dressed in leather and latex; one of the singers lies like a dying man on a staircase; the other does not sing, he screams from the top of his lungs. With a growl that is not wild or liberating, but rather cold and hallucinated, the lyrics deliver a terrible message: HATRIÐ MUN SIGRA, “hatred will prevail”.

“What’s this? How could this happen?”, the shocked audience ask themselves.
Let’s take a step back.


Four years ago, on a bright summer evening, as the midnight sun was shining, two boys strolled through Reykjavík contemplating the rise of populism, the ruin of capitalism and the crimes of growing individualism in Europe. To them, the only possible answer was: Hatari.

Meet the band

Hatari translates as “haters”. The band defines itself as an “award-winning performative, anti-capitalist, anti-systemic, industrial, techno-dystopic, BDSM” band, modifying and adding adjectives at their will. Hatari is a multimedia project, chaired by a nebulous company going by the suspicious name of Svikamylla ehf. (“Relentless Scam/Web of Lies Inc. “).

The project is based on the musical band founded by the two boys of the story, singers Klemens Hannigan and Matthías Tryggvi Haraldsson, together with their “drummer gimp” Einar Hrafn Stefánsson. Joining the trio is a variable team of performers, dancers, choreographers, visual artists and independent stylists responsible for a keenly designed fetish wardrobe, as well as a series of branded gym wear for the band’s moments of relax.

The legend of Hatari’s foundation is a brazen ironic hoax, regularly administered to the press by Klemens and Matthías, but there are some irrefutable facts: Hatari has indeed won several awards, and most of its members actually graduated from the Art Academy of Reykjavík. Matthías, aged twenty-five, already gained some recognition as a playwright and his writing is at the heart of Hatari’s nihilistic lyrics. Klemens is a carpenter and set designer, Einar also plays in the indie-pop band Vök.

Defining Hatari’s musical genre is a tricky task, because the band is eager to reinvent its style whenever it gets too close to being apprehended. Asking Klemens or Matthías will result in the usual long list of adjectives created on the spot: it might start off with almost fitting terms such as “techno-punk”, but will soon turn to “pop”, “bondage” and “doomsday”, and eventually end up being defined as “cabaret” and “bonanza”. Among their musical influences are Rammstein, Die Antwoord, Rage Against The Machine, Abba (“if only they were more Marxist“), the Spice Girls, Naomi Kline, Noam Chomsky, Donald Trump and Theresa May.

Hatari’s songs feature an electronic rhythmic base, enhanced by Einar’s live drumming, and two contrasting voices: Matthías’ growl delivers the main part, while Klemens will usually sing the melodic line in a soft, imploring and plaintive tone which can rise to a shrill falsetto, as in the song Hatrið mun sigra performed at Eurovision.

Music, however, is just one specific feature in Hatari’s wider concept, which is carried out through different performances: their act consists in staging a fascist dystopia set at the end of humanity, in the unmasking of the relentless scam we are subjected to in everyday life, in dismantling capitalism… and maybe, in the meantime, sell some CDs and T-shirts. After all, as the band put it, “it’s not cheap to bring down capitalism“.

Hatari’s key feature is precisely this love of contradiction, paradox, opposition. The BDSM clothing aesthetic is deemed necessary, because BDSM “liberates you, but it constrains you at the same time […], just like capitalism“.
But their use of contrast is also evident in the relationship between the singers Klemens and Matthías, a dualism ceaselessly exhibited on and off stage, which, as we shall see, might be the true focus of the entire project.

Hatari’s characters

Matthías, the leader of the group, plays the role of the absolute ruler and dictator in Hatari’s dystopia. He is brown-haired, cold and imposing, and his voice has a solemn and cavernous tone. The tyrant Matthías is characterized by rigidity, repressed movements, and a blank expression. He barely moves when he’s onstage, and he addresses the audience with a few controlled gestures, dry and theatrical, a Nazi-inspired reference. Angry screams rise from his granite, absent face, lost in a hateful frenzy of self-assertion. Even when he is not singing, Matthías maintains his apathetic composure; if he utters ironic and paradoxical sentences, he does so avoiding any hint of hilarity.

Klemens is Matthías’ right-hand man, an innocent martyr that the dictator subdues and persecutes. He’s a victim whose torment becomes obscene ecstasy: Klemens represents the compassionate undertaker of a dying humanity. He is small, with blond or sometimes bright-red hair, sparkling and ephebic. Like Matthías, he exhibits Hatari’s odd rhetoric with the utmost seriousness, but does not follow the same self-discipline. The inspiration for his body language and expressive range comes from a variety of traditionally feminine incarnations: the tender and fragile angel, the cheeky lolita sporting a blatant look, the bored prostitute, the sleepy men-eating vamp.

Beside a frozen Matthías, Klemens staggers without peace along the stage and dances to the rhythm. His arms are raised, hips swaying, his body is softly disjointed, keeping the pelvis as a center of gravity. With his skimpy costumes and orgasmic moans, Klemens becomes the spokesperson for the erotic element in Hatari’s performance: he symbolizes light, life, sex, against the darkness and dryness of Matthías.

Einar, the drummer gimp, is a silent character. But then again, he always wears a studded leather mask which hides the lower half of his face, limiting his communication possibilities. Contact lenses blacken his sclera, or narrow the pupil, so that his features are unrecognizable and the only noticeable trait is his gigantic stature.

During performances Einar beats on the drums with a metronome’s stolidity, or he spins around a spiked mace. Sometimes he just stands motionless behind the band and stares at the audience, like a fearsome Golem disguised as a sex toy. The only sentence he has spoken so far, the one time Klemens generously opened the zipper over his mouth, is the prophetic title of the song Hatrið mun sigra.

Some dancers who collaborate in Hatari’s performances complete the whole picture: the elegant and lanky slave Sigurður Andrean Sigurgeirsson and the pale, robotic dominatrices Sólbjört Sigurðardóttir and Ástrós Guðjónsdóttir. Female dancers are no less dressed than men, and even if they happen to interact with male performers, they never do so in an allusive way: in Hatari’s choreography the sensuality remains exclusively homoerotic and masculine.

Rise and scandal at the Eurovision

So how could this freakshow ever get to arrive at Eurovision?
The first step was to win the Söngvakeppnin, the Icelandic musical competition where every year the national representative at Eurovision is chosen.
The band’s participation in a television pop competition made a sensation, not only because so far the band only played the underground scene, but also because Hatari in theory just split up – with a farewell concert and a press statement on Iceland Music News (the “most honest information channel in Iceland“, actually another fictitious company of theirs). The motivation behind the split up is the aknwledgemtn that their pojects has failed: “We could not bring an end to capitalism, in the two years we gave ourselves“. But this farewell lasted just ten days.
Their taking part in Söngvakeppnin was announced with a promotional video designed to reassure the event’s pop audience: in the video, the smiling group is dressed in middle-class clothes (Einar’s without his trademark mask, for the first time ) and gets together to eat a cake. In order to make this family picture more intimate, Klemens’ daughter also participates, along with the daughter of Einar and Sólbjört, who are engaged in private life.
Did Hatari become a family-friendly and bourgeois band? Not exactly: the script of the video is a copycat of the electoral campaign of Bjarni Benediktsson, a controversial politician who devotes himself to cake design.

When, during the award ceremony, Hatari was proclaimed the winner, taking everyone by surprise, Matthías nodded condescendingly and repeated Hatari’s leitmotiv: “Everything’s according to the plan“. Capitalism shall be dismantled starting from the Eurovision contest, he reasoned, since having Hatari as national representative will at least cause the collapse of the Icelandic economy. Hatari already prepared an apology letter to the government, in case of victory.

So let’s get back to the Eurovision, a festival that supports peace and friendship among peoples. The 2019 edition took place in Israel, in Tel Aviv, in the scenario of an occupation that is not at all peaceful and inclusive.
It was clear that Hatari was the ideal candidate to exploit this paradox, and the band was seen as an inconvenient competitor since their first public statements. The group clamied to be backed by an imaginary sponsor, a carbonated water called SodaDream – which echoes the name of the Israeli brand SodaStream but which unlike the latter “has never operated in any kind of occupied territory“, as Hatari was eager to specify.
A video appeared in which the band challenged Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu to a match of glíma (Icelandic wrestling), raffling Icelandic or Israeli territories to be colonized at will by the winner.

In the European Broadcasting Union headquarters, anxiety was growing about Hatari’s stunts and interviews: what is this “plan” they were constantly talking about? Were they planning to disregard the competition guidelines?
Warned by the EBU, Hatari agreed to change their attitude: they switched to a more glittering look, and shunned any question that could can be seen as political, including the ones about their favorite foods. They made it clear that their song Hatrið mun sigra wasn’t really meant to incite hatred, but rather to inspire the same spirit of union at the base of Eurovision: an invitation to love, before Hatari’s dystopia might come true.

https://youtu.be/U4AdOIutKdc

Everyone began to relax. All in all, maybe Hatari were just a clique of funny jokers, and any Eurovision edition must have their “freak” contestants. As the final evening approached, it seemed clear enough that no such thing as “the plan” really existed. The very idea of bringing capitalism to an end was nothing but a joke.

But then, just as the final score was being announced, the unthinkable happened. While the band was to appear live from the Eurovision’s “green room”, a second before going on air, Matthias exchanged a quick nod with Klemens.
He then extracted from one of his kinky boots some scarves decorated with the Palestinian flag, which the band secretly managed to smuggle past the Israeli military checkpoints.

As soon as it was announced that Iceland had gained tenth place, and as the crowd booed, security broke in to seize the scarves. Meanwhile, on Hatari’s Instagram profile, a giant Palestine flag appeared, while on YouTube a new videoclip was published: a collaboration with Palestinian gay artist Bashar Murad, shot in the desert of Jericho.

Male intimacy, the ultimate provocation

Besides their transparent political alignment, and having the nerve to remind the Eurovision audience that we do not live in the best possible world, Hatari also offered one final provocation – a perhaps more subtle but insidious provocation, destined to polarize and upset even their fans: the emotional and physical harmony between Klemens and Matthías.

In public appearances Klemens and Matthías coordinate perfectly their gestures and words, finishing each other’s sentences and sometimes even talking in sync. Yet sometimes the dynamics of domination and submission they exhibit during their musical performances seem to reverse: one of their running gags during the interviews is Klemens whispering some words in the ear of his “master” Matthías, who then just reports them impassively.

Still, what’s really confusing to the public is not even this inversion of dom/sub roles, but rather the peculiar intimacy between the two characters.
Klemens often leans against Matthías and reclines his head on his partner’s shoulder; Matthías, on the other hand, holds his friend to his chest, wraps him in his arms with a protective attitude.


The two singers claim to have a special, intense and long-standing relationship: Klemens supports and encourages the stoic Matthías to express himself completely, while Matthías acts like a shield and safe haven for that “very unconstrained emotional being”. They are two opposites completing each other, the feminine and the masculine, the Yin and the Yang.
Yet – and here is where gender prejudice arise – the two singers are cousins, childhood friends and above all heterosexuals.

The reactions are of dismay. “Impossible! Are they bisexual? Is it just a hoax? They must be lovers! ”
It seems that the public prefers to imagine a homosexual incest, rather than admitting that two heterosexual males can share such a mutual trust and fondness for physical contact; the affection and tenderness Klemens and Matthias show during their effusions is an even stronger taboo than homosexuality, as it seems to question the traditional and all too fragile concept of masculinity.

In spite of all their paraphernalia, their trickster attitude, their parodistic smoke screens and raw, gloomy aesthetics, Hatari’s real message lies in the group dynamics, which stand out as a true antidote. They give each other strength and courage, they trust in one another, they consciously abandon their bodies in the hands of their fellow members. They know how to nurture each other’s most unruly and dark sides, and how to mix them as if they were ingredients of a cake “full of love, but a bit sticky“.

Hatari’s quixotic struggle against capitalism is perhaps just another one of their jokes; yet if we want to avoid living in the toxic and deadly world they foreshadow, our only tools are empathy, trust, respect, bonding.
We just need someone to accept us, support us and – why not – cuddle us, without fear of ridicule, without it making us feel less masculine; here lies the strength we need to express ourselves.
And when self-expression, creativity and vitality are allowed to shine, then hatred cannot prevail.

I Templi dell’Umanità

112305467-804e58f3-e8be-44aa-ae1a-c1f6742dc042

Il primo piccone colpì la roccia in una calda notte di agosto. Era una sera di sabato, nel 1978. […]
Cadde una stella nel cielo, grande e luminosa, che lasciò dietro di sé una striscia ben visibile di polvere dorata che ricadde sulla Terra.
Tutti pensarono che fosse un buon segno, e Oberto disse che in effetti indicava il momento perfetto per iniziare a scavare un Tempio, come quelli che da migliaia di anni non esistevano più. Si sarebbe fatto tutto grazie alla volontà e al lavoro delle mani…

Questo, secondo il racconto ufficiale, è l’inizio della straordinaria impresa portata avanti in gran segreto dai damanhuriani.

Damanhur è una cittadina egizia che sorge sul Delta del Nilo, e il suo nome significa “Città di Horus“, dal tempio che vi sorgeva dedicato alla divinità falco. I damanhuriani di cui stiamo parlando però non sono affatto egiziani, bensì italiani. Quell’Oberto che interpreta la stella cadente come buon auspicio è la loro guida spirituale, e (forse proprio in onore di Horus) a partire dal 1983 si farà chiamare Falco.

Gli anni ’70 in Italia vedono fiorire l’interesse per l’occulto, l’esoterismo, il paranormale, e per le medicine alternative: si comincia a parlare per la prima volta di pranoterapia, viaggi astrali (oggi si preferisce l’acronimo OBE), chakra, pietre e cristalli curativi, riflessologia, e tutta una serie di discipline mistico-meditative volte alla crescita spirituale – o, almeno, all’eliminazione delle cosiddette “energie negative”. Immaginate quanto entusiasmo potesse portare allora tutto questo colorato esotismo in un paese come il nostro, che non aveva mai potuto o voluto pensare a qualcosa di diverso dal millenario, risaputo Cattolicesimo.

falco-photo1
Oberto Airaudi, classe 1950, ex broker con una propria agenzia di assicurazioni, è da subito affascinato da questa nuova visione del mondo, tanto da cominciare a sviluppare le sue tecniche personali. Fonda quindi nel 1975 il Centro Horus, dove insegna e tiene seminari; nel 1977 acquista dei terreni nell’alto Canavese e fonda la prima comunità basata sulla sua concezione degli uomini come frammenti di un unico, grande specchio infranto in cui si riflette il volto di Dio. Nella città-stato di Damanhur, infatti, dovrà vigere un’assoluta uguaglianza in cui ciascuno possa contribuire alla crescita e all’evoluzione dell’intera umanità. Damanhur inoltre dovrà essere ecologica, sostenibile, avere una particolare struttura sociale, una Costituzione, perfino una propria moneta.
E un suo Tempio sotterraneo, maestoso e unico.

Così nel 1978, in piena Valchiusella, a 50 km da Torino, Falco e adepti cominciarono a scavare nel fianco della montagna – ovviamente facendo ben attenzione che la voce non si spargesse in giro, poiché non c’erano autorizzazioni né permessi urbanistici. Dopo un paio di mesi avevano completato la prima, piccola nicchia nella roccia, un luogo di ritiro e raccoglimento per meditare a contatto con la terra. Ma il programma era molto più ambizioso e complesso, e per anni i lavori continuarono mentre la comunità cresceva accogliendo nuovi membri. L’insediamento ben presto incluse boschi, aree coltivate, zone residenziali e un centinaio di abitazioni private, laboratori artistici, atelier artigianali, aziende e fattorie.

Il 3 luglio del 1992, allertati da alcune segnalazioni che parlavano di un tempio abusivo costruito nella montagna, i Carabinieri accompagnati dal Procuratore di Ivrea eseguirono l’ispezione di Damanhur. Quando infine giunsero ad esaminare la struttura ipogea, si trovarono di fronte a qualcosa di davvero incredibile.

damanhur50028129

exotic-arch-13

c4_large
Corridoi, vetrate, specchi, pavimenti decorati, mosaici, pareti affrescate: i “Templi dell’Umanità”, così Airaudi li aveva chiamati, si snodavano come un labirinto a più piani nelle viscere della terra. I cinque livelli sotterranei scendevano fino a 72 metri di profondità, l’equivalente di un palazzo di venti piani. Sette sale simboliche, ispirate ad altrettante presunte “stanze interiori” dello spirito, si aprivano al visitatore lungo un percorso iniziatico-sapienziale, in un tripudio di colori e dettagli ora naif, ora barocchi, nel più puro stile New Age.

2057302955_b71d6a86cf_o

ht_temples_080129_ssh

2058065520_840e95bae4_o

image003

l43-vidracco-damanhur-templi-121029174833_big

temples-damanhur
I damanhuriani cominciarono quindi una lunga battaglia con le autorità, per cercare di revocare l’ordine di demolizione per abusivismo e nel 1996, grazie all’interessamento della Soprintendenza, il governo italiano sancì la legalizzazione del sito. Ormai però il segreto era stato rivelato, così i damanhuriani cominciarono a permettere visite controllate e limitate agli ambienti sacri. Nel 2001 il complesso di templi vinse il Guinness World Record per il tempio ipogeo più grande del mondo.

2058007464_9ac0fee161_o

DSC_0179

Sala-Terra

labyrinth

temples-damanhur2
Ma perché tenere nascosta questa opera titanica? Perché costruirla per quasi quindici anni nel più completo riserbo?

In parte propaggine del sogno hippie, l’idilliaca società di Damanhur proietta un’immagine di sé ecologica, umanistica, spirituale ma, nella realtà, potrebbe nascondere una faccia ben più cupa. Secondo l’Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici, infatti, quella damanhuriana non sarebbe altro che una vera e propria setta; opinione condivisa da molti ex aderenti alla comunità, che hanno raccontato la loro esperienza di vita all’interno del gruppo in toni tutt’altro che utopistici.

547648_345927605484503_905646213_n
La storia delle sette ci insegna che i metodi utilizzati per controllare e plagiare gli adepti sono in verità pochi – sempre gli stessi, ricorrenti indipendentemente dalla latitudine o dalle epoche. La manipolazione avviene innanzitutto tagliando ogni ponte con l’esterno (familiari, amici, colleghi, ecc.): la setta deve bastare a se stessa, chiudersi attorno agli adepti. In questo senso vanno interpretati tutti quegli elementi che concorrono a far sentire speciali gli appartenenti al gruppo, a far loro condividere qualcosa che “gli altri, là fuori, non potranno mai capire”.

Almeno a un occhio esterno, Damanhur certamente mostra diversi tratti di questo tipo. Orgogliosamente autosufficiente, la comunità ha istituito addirittura una valuta complementare, cioè una moneta valida esclusivamente al suo interno (e che pone non pochi problemi a chi, dopo anni di lavoro retribuito in “crediti damanhuriani”, desidera fare ritorno al mondo esterno).

09-damanhur-coin
Inoltre, a sottolineare la nuova identità che si assume entrando a far parte della collettività di Damanhur, ogni proselito sceglie il proprio nome, ispirandosi alla natura: un primo appellativo è mutuato da un animale o da uno spirito dei boschi, il secondo da una pianta. Così, sbirciando sul sito ufficiale, vi potete imbattere in personaggi come ad esempio Cormorano Sicomoro, avvocato, oppure Stambecco Pesco, scrittore con vari libri all’attivo e felicemente sposato con Furetto Pesca.

Oberto Airaudi, oltre ad aver operato le classiche guarigioni miracolose, ha soprattutto insegnato ai suoi accoliti delle tecniche di meditazione particolari, forgiato nuove mitologie ed elaborato una propria cosmogonia. Poco importa se a un occhio meno incline a mistici entusiasmi il tutto sembri un’accozzaglia di elementi risaputi ed eterogenei, un sincretico potpourri che senza scrupoli mescola reincarnazione, alchimia, cromoterapia, tarocchi, oracoli, Atlantide, gli Inca, i riti pagani, le correnti energetiche, i pentacoli, gli alieni… e chi più ne ha più ne metta.

61XjZehAR1L._SY300_

9788897198017

fonocromoterapia-e-breviterapia-libro-62502

i-popoli-della-galassia-libro-62494
In questo senso è evidente come il Tempio dell’Umanità possa aver rappresentato un tassello fondamentale, un aggregatore eccezionale. Non soltanto i damanhuriani condividevano tra loro la stessa visione del mondo, ma erano anche esclusivi depositari del segreto di un’impresa esaltante – un lavoro non unicamente spirituale o di valore simbolico, ma concreto e tangibile.
Inoltre la costruzione degli spazi sacri sotterranei potrebbe aver contribuito ad alimentare la cosiddetta “sindrome dell’assedio”, vale a dire l’odio e la paura per i “nemici” che minacciano continuamente la setta dall’esterno. Ecco che le autorità, anche quando stavano semplicemente applicando la legge nei confronti di un’opera edilizia abusiva, potevano assumere agli occhi degli adepti il ruolo di osteggiatori ciechi alla bellezza spirituale, gretti e malvagi antagonisti degli “eletti” che invece facevano parte della comunità.

È nostra consuetudine, in queste pagine, cercare il più possibile di lasciare le conclusioni a chi legge. Risulta però difficile, con tutta la buona volontà, ignorare i segnali che arrivano dalla cronaca. Se non fosse per l’eccezionale costruzione dei Templi dell’Umanità, infatti, il copione che riguarda Damanhur sarebbe lo stesso che si ripete per quasi ogni setta: ex-membri che denunciano presunte pressioni psicologiche, manipolazioni o abusi; famigliari che lamentano la “perdita” dei propri cari nelle spire dell’organizzazione; e, in tutto questo, il guru che si sposta in elicottero, finisce indagato per evasione ed è costretto a versare un milione e centomila euro abbondanti al Fisco.

tempioaperto
Il controverso Oberto Airaudi, alias Falco, è morto dopo una breve malattia nel 2013. Tutto si può dire di lui, ma non che gli mancasse il dono dell’immaginazione.
Il suo progetto dei Templi dell’Umanità, infatti, non è ancora finito. La struttura esistente non rappresenta che il 10% dell’opera completa. Ma i damanhuriani stanno già pensando al futuro, e a una nuova formidabile impresa:

È importante che i rappresentanti di popoli e culture si incontrino in luoghi speciali, capaci di creare un effetto di risonanza sul pianeta. I cittadini di Damanhur, che stanno creando un nuovo popolo, si sono impegnati a costruire uno di questi “centri nervosi spirituali”, che hanno chiamato “il Tempio dei Popoli”.
In questo luogo sacro, tutti i piccoli popoli potranno incontrarsi per dare vita a un parlamento spirituale […] Come i Templi dell’Umanità, il Tempio dei Popoli sarà all’interno della terra, in un luogo di incontro di Linee Sincroniche, perché non è un edificio per impressionare gli esseri umani – come i palazzi del potere delle nazioni – ma deve essere una dimostrazione del cambiamento, della volontà e delle capacità umane alle Forze della Terra.

Le donazioni sono ovviamente ben accette e, riguardo alla possibilità di detrazione fiscale, è possibile chiedere informazioni alla responsabile. Che, lo confessiamo, porta (assieme all’avv. Cormorano Sicomoro) il nostro nome damanhuriano preferito: Otaria Palma.

6
Potete fare un tour virtuale all’interno dei Templi dell’Umanità a questo indirizzo.
Il sito del CESAP (Centro Studi Abusi Psicologici) ospita una esauriente serie di articoli su Damanhur, e in rete è facile trovare informazioni riguardo alle caratteristiche settarie della comunità; se invece volete sentire la campana dei damanhuriani, potete dare un’occhiata al sito personale di Stambecco Pesco oppure dirigervi direttamente al sito ufficiale di Damanhur.

Very Heavy Metal

Compressorhead

Ecco a voi la band di heavy metal più pesante del mondo: i Compressorhead, che tutti assieme vengono stimati attorno alle 6 tonnellate.

Stickboy, il batterista, ha calcato le scene per la prima volta nel 2007. Come recita il sito ufficiale, “ha 4 braccia, 2 gambe, 1 testa e nessun cervello”. Nel 2009 ha conosciuto Fingers, il chitarrista, che con le sue 78 dita meccaniche è in grado di suonare qualsiasi nota sul manico della sua chitarra elettrica. Ma la band l’anno scorso si è arricchita di un altro elemento fondamentale, Bones – il bassista più preciso del pianeta. Eccoli nella loro sala prove, durante la preparazione di un nuovo pezzo.

[youtube=http://youtu.be/3RBSkq-_St8]

I Compressorhead sono essenzialmente una cover band, e ripropongono brani celebri dell’hard rock e dell’heavy metal, riarrangiati secondo le loro strabilianti doti di esecuzione e, soprattutto, di spettacolarità sul palco. Ecco Stickboy e Fingers (Bones non era ancora nato!) durante una loro esibizione televisiva.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=qKAWBNl4MeA]

I Compressorhead, che nel 2013 saranno in tour in Australia, sono stati realizzati dalla casa tedesca Robocross. Ecco il sito ufficiale della band.

Mini-Kiss

I Mini-Kiss sono una tribute band dei Kiss. Come tutte le tribute band, si vestono come i loro beniamini, suonano esclusivamente il loro repertorio e li imitano in tutto e per tutto. Ma i Mini-Kiss hanno qualcosa di unico: i membri della band sono tutti affetti da nanismo. Questo non impedisce loro di riproporre l’hard-rock spettacolare e colorato di Gene Simmons e compagni… in versione “ridotta”.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=uCl4PbeaOQ4]

Anche dopo la morte nel 2011 di Joey Fatale, loro leader e fondatore, i Mini-Kiss continuano ad esibirsi con ottimo successo. Ecco il sito sito ufficiale.

(Scoperto via Ipnosarcoma, uno dei nostri tumblelog preferiti!)

Il Tempio delle Torture

Wat Phai Rong Wua.

Se visitate la Thailandia, ricordatevi questo nome. Si tratta di un luogo sacro, unico e assolutamente weird, almeno agli occhi di un occidentale. Tempio buddista, mèta annuale di migliaia di famiglie, è celebre per ospitare la più grande scultura metallica del Buddha. Ma non è questo che ci interessa. È famoso anche per il suo Palazzo delle Cento Spire, ma nemmeno questo ci interessa. Quello che segnaliamo qui sono le dozzine di figure e complessi statuari che descrivono torture e sevizie riservate dai demoni dell’inferno alle anime in pena.

Infilzate in faccia, o intrappolate nelle fauci di orrendi mostri, con le interiora esposte, trafitte da spade e lance, queste sculture lasciano ben poco all’immaginazione: se non diciamo le preghierine alla sera, non ce la passeremo tanto bene nell’aldilà. Questo macabro e violentissimo “parco di attrazioni” ha per i fedeli un valore educativo. È una visualizzazione grafica e figurativa della sofferenza e dell’inferno.

Certo, c’è da dire che il rapporto dei thailandesi con la morte è meno travagliato del nostro; eppure, per quanto a prima vista il giardino delle torture di Wat Phai Rong Wua possa sembrare una soluzione estrema per colpire la fantasia dell’uomo illetterato, ricordiamoci che anche le nostre chiese abbondano di dipinti e allegorie non meno violente o macabre. Ormai abituati all’arte del Novecento, che si è man mano astratta dal bisogno di veicolare o avere un significato, ci dimentichiamo facilmente del ruolo avuto anche nella nostra storia dell’arte figurativa: quella di educare le masse, di proporsi come libro illustrato, e di servire quindi alla formazione di un immaginario anche per quanto riguarda i mondi a venire.

Scoperto via Oddity Central.