Dolphinophilia

Art by Dr Louzou.

[…] by common accord they glide towards one another underwater, the female shark using its fins, Maldoror cleaving the waves with his arms; and they hold their breath in deep veneration, each one wishing to gave for the first time upon the other, his living portrait. When they are three yards apart they suddenly and spontaneously fall upon one another like two lovers and embrace with dignity and gratitude, clasping each other as tenderly as brother and sister. Carnal desire follows this demonstration of friendship. Two sinewy thighs press tightly against the monster’s viscous flesh, like two leeches; and arms and fins are clasped around the beloved object, while their throats and breasts soon form one glaucous mass amid the exhalations of the seaweed; amidst the tempest which was continuing to rage; by the light of lightning-flashes; with the foaming waves for marriage-bed; borne by an undersea current and rolling on top of one another down into the unknown deeps, they joined in a long, chaste and ghastly coupling!… At last I had found one akin to me… from now on I was no longer alone in life…! Her ideas were the same as mine… I was face to face with my first love!

I always loved this sulfurous description of the intercourse between Maldoror and a shark, found in the second chant of Lautréamont’s masterpiece.
It came back to mind when a friend recently suggested I look up Malcolm Brenner. You know you’ve found an interesting guy, when Wikipedia introduces him as an “author, journalist, and zoophile“.
Malcolm, it seems, has a thing for dolphins.

Now, zoophilia is a very delicate topic — I tried to address it in this post (Italian only) — because it doesn’t only touch on sensitive areas of sexuality, but it also concerns animal rights. I’m returning on the subject in order to tell two very different stories, which I find particularly remarkable: they are both about sexual encounters between humans and dolphins.
The first one is, indeed, Brennan’s.

I advise you to invest 15 minutes of your time and watch the extraordinary Dolphin Lover, embedded below, which chronicles the unconventional love story between Malcom and a female dolphin named Dolly.
The merit of this short documentary lies in the sensitivity with which it approaches its subject: a man who was abused at a tender age, still visibly marked by what he believes has been a wonderful sentimental and spiritual connection with the animal.
Viewing the video certainly poses an intriguing variety of questions: besides the intrinsic problems of zoophilia (the likelihood of inter-species love, the validity of including zoophiliac tendencies within a pathological spectrum, the issue of consent in animals), some daring points are made, such as the parallellism that Malcom puts forward with inter-racial marriages. “150 years ago, black people were considered degenerate subspecies of the human being, and at the time miscegenation was a crime in many states, as today inter-species sex or bestiality is a crime in many states. And I’m hoping that in a more enlightened future zoophilia will be no more regarded as controversial or harmful than interracial sex is today.

The documentary, and Brenner’s book Wet Goddess (2009), caused some stir, as you would expect. “Glorifying human sexual interactions with other species is inappropriate for the health and well being of any animal. It puts the dolphin’s own health and social behavioral settings at risk”, said expert Dr. Hertzing to the Huff Post.

But if you think the love story between Malcom and Dolly is bizarre, there’s at least another one that surpasses it in weirdness. Let me introduce you to Margaret Lovatt.

Margaret Lovatt. Foto: Matt Pinner/BBC

When she was younger, Margaret — who has no inclination or interest in zoophilia at all — was the target of a male dolphin’s erotic attention. And there would be nothing surprising in this: these mammals are notorious for their sexual promiscuity with trainers and other humans who are swimming with them. At times, they even get aggressive in their sexual advances (proving, if there ever was any need to, that consent is a stricly human concern).

https://www.youtube.com/watch?v=4Ml5IjwLNe4

In other words, the fact that a dolphin tried to hit on her is anything but unusual. But the context in which this happened is so delightfully weird, and her story so fascinating, that it deserves to be told.

Virgin Islands, early 1960s.
Doctor John C. Lilly was at the peak of his researches (which, many decades later, earned him a way cooler Wiki description than Brennan’s). This brilliant neuroscientist had already patented several manometers, condensers and medical meters; he had studied the effects of high altitude on brain physiology; he had created a machine to visualize brain activity through the use of electrodes (this kind of stimulation, still used today, is called “Lilly’s wave”). Intrigued by psychoanalisis, he also had already abandoned more conventional areas of scientific investigation to invent sensory deprivation tanks.


Built in 1954 and initally intended as a way to study brain neurophysiology in the absence of external stimuli, isolation tanks had unexpectedly turned out to be an altered-state-inducing tool, prompting a sort of deep and meditative trance. Lilly began to see them as spiritual or psychic vessels: “I made so many discoveries that I didn’t dare tell the psychiatric group about it at all because they would’ve said I was psychotic. I found the isolation tank was a hole in the universe.” This discovery led to the second part of his career, that saw him become an explorer of consciousness.

The early Sixties were also the time when John Lilly began to experiment with LSD, took interest in aliens and… in dolphins.

The scientist was convinced that these mammals were extremly intelligent, and he had discovered that they seemed able to replicate some human sounds. Wouldn’t it be nice, Lilly thought,if we could communicate with cetaceans? What enlightening concepts would their enormous brains teach us? He published his ideas in Man and Dolphin (1961), which instantly became a best-seller; in the book he prophetized a future in which dolphins would widen our perspective on history, philosophy and even world politics (he was confident a Cetacean consulting Seat could be established at the United Nations).


Lilly’s next step was to raise funds for a project aimed at teaching dolphins to speak English.
He tried to involve NASA and the Navy — as you do, right? —, and succeded. Thus Lilly founded the Communication Research Institute, a marine secret laboratory on the caraibic island of St. Thomas.

This is the context in which, in 1964, our Margaret began working with Peter, one of the three dolphins being studied at Lilly’s facility. Margaret moved in to live inside the dolphinarium for three months, in contact with Peter for six days a week. Here she gave English lessons to the animal, for instance teaching him how to articulate the words “Hello Margaret”.
‘M’ was very difficult […]. I worked on the ‘M’ sound and he eventually rolled over to bubble it through the water. That ‘M’, he worked on so hard.
But Peter also showed to be curious about many other things: “He was very, very interested in my anatomy. If I was sitting here and my legs were in the water, he would come up and look at the back of my knee for a long time. He wanted to know how that thing worked and I was so charmed by it.

Spending so much time on intimate terms with the dolphin introduced Lovatt to the cetacean’s sexual needs: “Peter liked to be with me. He would rub himself on my knee, or my foot, or my hand.” At that point, in order not to interrupt their sessions, Margaret began to manually satisfy Peter’s necessities, as they arose. “I allowed that. I wasn’t uncomfortable with it, as long as it wasn’t rough. It would just become part of what was going on, like an itch – just get rid of it, scratch it and move on. And that’s how it seemed to work out. […] It wasn’t sexual on my part. Sensuous perhaps. It seemed to me that it made the bond closer. Not because of the sexual activity, but because of the lack of having to keep breaking. And that’s really all it was. I was there to get to know Peter. That was part of Peter.

As months went by, John Lilly gradually lost interest in dolphins. He increasingly committed himself to his scientific research on psychedelics, at the time of great interest for the Government, but this eventually became a personal rather than a professional interest:  as recalled by a friend, “I saw John go from a scientist with a white coat to a full blown hippy.”

Psychedelic counter-culture icons: Ginsberg, Leary & Lilly.

The lab lost its fundings, the dolphins were moved to another aquarium in Miami, and Margaret didn’t hear about Peter until a few weeks later. “I got that phone call from John Lilly. John called me himself to tell me. He said Peter had committed suicide.
Just like Dolly in Malcolm Brenner’s account, Peter too had decided to stop breathing (which is voluntary in dolphins).

After more than a decade, in the late 1970s, Hustler magazine published a sexploitation piece about Margaret Lovatt and her “sexual” relationship with Peter, which included an explicit cartoon. Unfortunately, despite all attempts to put her story back within the frame of those pioneering experiments, Margaret was marked for many years as the woman who made love to dolphins.
It’s a bit uncomfortable,” she declared in a Guardian interview. “The worst experiment in the world, I’ve read somewhere, was me and Peter. That’s fine, I don’t mind. But that was not the point of it, nor the result of it. So I just ignore it.

Towards the end of his career, John Lilly became convinced that some gigantic cosmic entities (which he visualized during his acid trips) were responsible for all inexplicable coincidences.
Appropriately enough, just as I was finalizing this post, I stumbled upon one of these coincidences. I opened the New York Times website to find this article: a team of scientists from the University of Chile just published a paper, claiming to have trained an orca to repeat some English words.

So Lilly’s dream of communicating with cetaceans lives on.
Brennan’s dream, on the other hand, is still controversial, as are zoophile associations such as the German ZETA (“Zoophile Engagement for Tolerance and Enlightenment”), who believe in a future without any sexual barrier between species.
A future where one can easily make love to a dolphin without awakening anyone’s morbid curiosity.
Without anyone necessarily writing about it in a blog of oddities.

(Thanks, Fabri!)

Stoned spiders

1948, University of Tubingen, Germany.
Zoologist H. M. Peters was frustrated. He was conducting a photographic research on the way orb-weaver spiders build their web, but he had encountered a problem: the arachnids he was studying insisted on performing this task of astounding engineering only during the night hours, very early in the morning. This schedule, besides forcing him to get up at an ungodly hour, made photographic documentation quite hard, as the spiders preferred to move in total darkness.
One day Peters decided to call on a collegue, young pharmacologist Dr. Peter N. Witt, for assistance. Would it be possible to somehow drug the spiders, so they would change this routine and start weaving their webs when the sun was already up?

Witt had never had any experience with spiders, but he soon realized that administering tranquilizers or stimulants to the arachnids was easier than he thought: the little critters, constantly thirsty for water, quickly learned to drink from his syringe.
The results of this experiment, alas, turned out to be pretty worthless to zoologist Peters. The spiders kept on building their webs during the night, but that was not the worst part of it. After swallowing the medicine, they weren’t even able to weave a decent web: as if they were drunk, the arachnids produced a twisted mesh, unworthy of being photographed.
After this experience, a disheartened Peters abandoned his project.
In Dr. Witt’s mind, instead, something had clicked.

Common spiders (Araneidae) are all but “common” when it comes to weaving. They build a new web every morning, and if byt he end of the day no insect is trapped, they simply eat it. This way, they are able to recycle silk proteins for weeks: during the first 16 days without food, the webs look perfect. Whe nthe spider gets really hungry, it begins sparing the energy by building a wider-meshes web, suitable to catch only larger insects (the spider is in need of a substantial meal).
After all, for a spider the web isn’t just a way to gather food, but an essential instrument to relate with the surrounding world. Most of these arachnids are almost totally blind, and they use the vibrations of the strands like a radar: from the perceived movements they can understand what kind of insect just snagged itself on the web, and if it is safe for them to approach it; they can notice if even a single thread has broken, and they confidently head in the right direction to repair it; they furthermore use the web as a means of communication in mating rituals, where the male spider remains on the outer edges and rythmically pinches the strings to inform the female of its presence, in order to seduce her without being mistaken for a juicy snack.

peter-witt

During his experimentation with chemicals, Dr. Witt noticed that there seemed to be a significative correspondence between the administered substance and the aberrations that the spiderweb showed. He therefore began feeding the spiders different psychoactive drugs, and registering the variations in their weaving patterns.
Dr. Witt’s study, published in 1951 and revised in 1971, was limited to statistical observation, without attempting to provide further interpretations. Yet the results could lead to a fascinating if not very orthodox reading: it looked like the spiders were affected in much the same way humans react to drugs.

webs

Under the influence of weed, they started regularly building their web, but were soon losing interest once they got to the outer rings; while on peyote or magic mushrooms, the arachnids movements became slower and heavier; after being microdosed with LSD, the web’s design became geometrically perfect (not unlike the kaleidoscopic visions reported by human users), while more massive doses completely inhibited the spiders’ abilities; lastly, caffeine produced out of control, schizoid results.

Spiderweb after high doses of LSD-25.

Clearly this “humanized” interpretation is not scientific to say the least. In fact, what really interested Witt was the possibility of using spiders to ascertain the presence of drugs in human blood or urine, as they had proved sensitive to minimal concentrations, which could not be instrumentally detected at the time. His research continued for decades, and Witt went from being a pharmacologist to being an entomology authority. He was able to recognize his little spliders one by one just by looking at their webs, and his fascination for these invertebrates never faded.
He kept on testing their skills in several other experiments, by altering their nervous system through laser stimulation, administering huge quantities of barbiturics, and even sending them in orbit. Even in the absence of gravity, in what Witt called “a masterpiece in adaptation”, after just three days in space the spiders were able to build a nearly perfect web.

Near the end of the Seventies, Witt discontinued his research. In 1984 J. A. Nathanson re-examined Witt’s data, but only in relation to the effects of caffeine.
In 1995 Witt saw his study come back to life when NASA successfully repeated it, with the help of statistic analysis software: the research showed that spiders could be used to test the toxicity of various chemicals instead of mice, a procedure that could save time and money.

Anyway, there is not much to worry regarding the fate of these invertebrates.
Spiders are among the very few animals who survived the biggest mass extinction that ever took place, and they are able to resist to atmospheric conditions which would be intolerable to the majority of insects. Real rulers of the world since millions of years, they will still be here a long time — even after our species has run its course.

Welcome to Kitty City

Non vi ricordate dove avete nascosto la vostra ultima dose di LSD? Niente paura, al vostro trip ci pensa Cyriak.

Eccovi il suo nuovo cortometraggio, intitolato Welcome to Kitty City. (Per chi non lo ricordasse, Cyriak è un animatore inglese, completamente folle, che abbiamo più volte ospitato sulle pagine di Bizzarro Bazar: qui, qui e qui.)

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=jX3iLfcMDCw]

Progetto MKULTRA

Gli Americani saranno anche dei paranoici cospirazionisti, sempre pronti a vedere intrighi e misteriosi “progetti” dei servizi segreti ovunque; ma bisogna ammettere che questa loro paura non nasce dal nulla. Di cospirazioni e di strane operazioni occulte ne hanno viste e vissute parecchie.

Anni ’50, inizio della Guerra Fredda. Stati Uniti e Russia cominciano a cercare freneticamente nuove armi per essere sempre un passo più avanti del loro avversario. E, in aggiunta alle ricerche batteriologiche e al perfezionamento delle armi atomiche, la CIA decide che ci sono i presupposti per iniziare un’operazione un po’ differente, sperimentale, e soprattutto illegale.

Sotto il nome in codice MKULTRA, il nuovo programma di ricerca segreto si propone di studiare e scoprire dei metodi per controllare la mente delle persone. Vi ricordate il nostro articolo su José Delgado? Ecco, la CIA vuole fare un ulteriore passo innanzi. D’altronde, pochi anni prima, aveva utilizzato l’Operazione Paperclip per reclutare i “migliori” scienziati e criminali di guerra nazisti, comprando le conoscenze acquisite durante gli esperimenti umani nei campi di sterminio, in cambio dell’immunità dai processi. Alcuni di questi scienziati avevano studiato tecniche di lavaggio del cervello, interrogatorio e tortura.

L’intento della CIA è quello di capire se esiste la possibilità di indurre, ad esempio, una persona all’assassinio programmato; se c’è un metodo scientifico per attuare il lavaggio del cervello o estorcere informazioni durante un interrogatorio; se si può alterare la percezione degli eventi nei testimoni, e via dicendo. Va da sé che per raggiungere questi risultati occorrono cavie umane. Così, se molti dei soggetti studiati dal progetto MKULTRA sono consenzienti, i ricercatori comprendono subito che per ottenere delle analisi precise e delle prove inconfutabili serviranno anche soggetti ignari… cavie che non sappiano di star prendendo parte all’esperimento. Anche in questo risiede l’illegalità dell’operazione, coperta quindi dal massimo segreto. E, sempre in massimo segreto, vengono investiti milioni e milioni di dollari in un progetto che a posteriori si può tranquillamente definire aberrante e criminale.

La maggior parte degli esperimenti relativi a MKULTRA hanno a che fare con le droghe. Si ricercano sostanze che alterino la mente in tutti i modi possibili: dalle sostanze più innocue che favoriscano la concentrazione, o che si dimostrino efficaci come rimedio per il dopo-sbronza… fino ai metodi chimici per creare confusione, depressione, paranoia e shock prolungati in un soggetto, per inibire le menzogne, per creare uno stato di ipnosi, per indurre lo svenimento istantaneo o la paralisi degli arti. Insomma, droghe “positive” che possono potenziare le truppe americane; e droghe “negative”, destinate a controllare e alterare la forza mentale del prigioniero o del nemico.

Gli esperimenti di MKULTRA meglio conosciuti sono quelli legati alla sperimentazione dell’LSD. Sintetizzata per la prima volta nel 1938 da Albert Hoffman, la dietilamide-25 dell’acido lisergico (LSD) era ancora sconosciuta al grande pubblico.  Gli agenti di MKULTRA decisero di comprendere i suoi effetti su una serie di cavie ignare, e nella famigerata Operazione Midnight Climax misero a punto questo sistema: dopo aver installato dei finti specchi in alcuni bordelli di San Francisco, con la complicità delle prostitute facevano in modo che al cliente venisse servito un drink in cui era stata disciolta una potente dose di acido. La “sessione” veniva quindi filmata da dietro lo specchio.

A poco a poco gli effetti della droga si manifestavano, e i clienti cominciavano ad essere preda di violente e incontrollabili allucinazioni; come si sa, l’LSD è fra le sostanze psicoattive sintetiche più potenti, con effetti che ad alti dosaggi possono spingersi ben oltre le 12 ore. I poveri clienti, arrivati con la modesta speranza di una seratina piccante, si ritrovavano di colpo scaraventati nel baratro della follia, in quella che aveva tutta l’aria di essere una crisi psicotica. Non capivano, non potevano capire perché di colpo vedessero le dimensioni della stanza alterarsi, il tempo distorcersi e la carta da parati pulsare come fosse viva. Si convincevano di essere impazziti di colpo, e il terrore si impadroniva di loro. Una volta esauriti gli effetti della droga, gli agenti si palesavano e intimavano alla vittima, ancora sotto shock, di non rivelare nulla di quanto era successo. Se avessero raccontato la loro storia, si sarebbe anche saputo che frequentavano il bordello… Alcuni dei soggetti non si ripresero più, e finirono ospedalizzati, e molti ritengono che diversi suicidi siano imputabili a questi esperimenti senza scrupoli.

Oltre alla somministrazione di droghe, il progetto sondò anche le diverse possibilità offerte dalla deprivazione sensoriale, dall’ipnosi, dalla privazione del sonno e dagli abusi verbali e fisici. Che tipo di osservazioni scientifiche si potevano trarre da simili esperimenti? Che valore aveva questa ricerca? Quando la CIA ammise pubblicamente, fra il 1975 e il 1977, l’esistenza del progetto MKULTRA e offrì le sue scuse, confessò anche che tutte queste ricerche non avevano portato ad alcun risultato concreto.  Gli agenti a capo degli esperimenti, si scoprì, non avevano nemmeno le qualifiche necessarie per essere degli osservatori scientificamente attendibili. Quindi la massiccia operazione, dal costo stimato di più di 10 milioni di dollari, e che aveva coinvolto numerose multinazionali farmaceutiche e distrutto la vita a molti civili divenuti cavie, non era servita a nulla.

Nonostante la declassificazione di molti documenti, iniziata nel 1977, e le ammissioni della CIA, c’è chi è pronto a giurare che la “confessione” sia un ulteriore depistaggio, e che il progetto MKULTRA non sia mai stato chiuso: continuerebbe ancora, sotto diverso nome, per mettere a punto metodi sempre più perfezionati di controllo della mente.

Ma la cosa forse più curiosa è un effetto boomerang che la CIA non poteva prevedere, e che cambiò la storia. Come ricordato, non tutti i soggetti degli esperimenti di MKULTRA erano vittime ignare. Fra i volontari che si sottoposero ad alcuni test con l’LSD in California, c’era anche un giovane studente della Stanford University. Questo ragazzo, sconvolto dal potenziale della droga, decise che avrebbe cercato di promuovere l’LSD anche al di fuori di MKULTRA. Lo studente era Ken Kesey, autore di Qualcuno volò sul nido del cuculo, che di lì a poco avrebbe fondato i Merry Pranksters e girato gli Stati Uniti portando follia e buonumore su un furgoncino multicolore, dispensando dosi gratuite di LSD a chiunque volesse provare. Grazie a Kesey cominciò la rivoluzione degli anni ’60, la pacifica ribellione hippie, e la cosiddetta psichedelia che cambiò volto alla società, alla musica, alla politica e alla cultura.

Da un terribile progetto segreto militare per il controllo della mente, quindi, nacque paradossalmente un movimento che in pochi anni conquistò il mondo; milioni di ragazzi cominciarono a predicare la liberazione della mente, l’espansione e l’allargamento della coscienza, l’uguaglianza dei diritti, il sesso libero, la convivenza pacifica e l’affrancamento da qualsiasi organizzazione militare o politica. Non esattamente quello che i vertici della CIA, con tutte le loro sofisticate conoscenze, avevano sperato di ottenere.

La biblioteca delle meraviglie – III

FREAKS – LA COLLEZIONE AKIMITSU NARUYAMA

(2000, Logos)

Ovvero “Lo Sfruttamento Delle Anomalie Fisiche Nei Circhi E Negli Spettacoli Itineranti”.

L’impressionante collezione fotografica di meraviglie umane di Naruyama è un vero tesoro. Immagini storiche, di un’importanza eccezionale, raccolte in un libricino che, pur non offrendo un approfondito background storico, ha il potere di stregare il lettore grazie alla bellezza delle illustrazioni. Dai Lillipuziani alla Meraviglia Senza Braccia, dai Bambini Aztechi ai ragazzi-leone, tutti i più famosi freaks vissuti a cavallo fra diciannovesimo e ventesimo secolo sono presenti nella raccolta; molte delle fotografie sono infatti relative agli spettacoli circensi e alle fiere itineranti americane in cui questi artisti si esibivano. Dopo lo show, un’ulteriore fonte di profitto erano proprio le fotografie che venivano vendute al pubblico, autografate. Per quanto l’esibizione della deformità all’interno dei carnivals americani sia un capitolo affascinante della storia dello spettacolo moderno, questo prezioso libro però, così focalizzato com’è sui ritratti, offre qualcosa di diverso.

La raccolta documenta un’epoca e una società attraverso i suoi corpi meno fortunati, e allo stesso tempo nello scorrere le pagine avvertiamo l’atemporalità di queste anomalie: nell’antichità come nell’epoca moderna, certi uomini hanno dovuto sopportare il fardello di fattezze eccezionali, spesso temuti ed emarginati. Eppure, se è vero che ogni uomo è specchio per il suo prossimo, fissando gli occhi di questi nostri fratelli dai corpi stupefacenti ci accorgiamo che il loro sguardo rimanda il riflesso più puro e vero.

Alex Boese

ELEFANTI IN ACIDO E ALTRI BIZZARRI ESPERIMENTI

(2009, Baldini Castoldi Dalai)

Una buona parte degli articoli di Bizzarro Bazar contenuti nella sezione “Scienza anomala” nasconde un debito verso questo splendido libro. Boese raccoglie, in forma divulgativa e spesso scanzonata, gli esperimenti scientifici più improbabili, sconcertanti, risibili – e, talvolta, illuminanti. Chi pensa che gli scienziati siano persone serie e compite, sempre nascosti dietro provette o lavagne piene di equazioni impossibili, farebbe meglio a ricredersi: l’immagine della scienza che esce dalle pagine di Elefanti in acido è quella di una disciplina viva, fantasiosa, sempre pronta a prendere le strade meno battute, anche a costo di errori madornali e vergognosi fallimenti. In definitiva, una disciplina molto più umana (nel bene o nel male) di come viene normalmente rappresentata.

Molti di questi esperimenti sono spassosi in quanto, a una prima occhiata, totalmente inconcludenti. Dai ricercatori del titolo, che somministrano a un elefante una potentissima dose di LSD, fino allo psicologo che in automobile resta fermo quando scatta il semaforo verde soltanto per cronometrare quanto ci mette l’autista dietro di lui a suonare il clacson, per finire con gli scienziati che costruiscono uno stadio per le corse degli scarafaggi, il tempo perso dagli studiosi in progetti dagli esiti comici può sconcertare. Eppure, come ricorda l’autore, non sempre la scienza ricerca soltanto le risposte alle nobili e grandi domande. Ogni tassello, per quanto insignificante possa sembrare, contribuisce a comprendere qualcosa di più del mondo in cui viviamo. È vero che gli uomini preferiscono le donne difficili da conquistare? Se cadessimo in un pozzo, il nostro cane verrebbe a salvarci? Perché non riusciamo a farci il solletico da soli?

I ricercatori le cui vicende sono narrate in Elefanti in acido hanno una fiducia smisurata nel metodo scientifico, e non esitano ad applicarlo a quesiti di questo tenore. Anche se, come nel caso dello scienziato che si incaponisce a contare tutti i peli pubici dei suoi colleghi, questa fiducia sembra talvolta divenire talmente cieca da non accorgersi dell’assurdità della ricerca stessa. E anche questo è molto umano.

Auto trapanazione

Fino a dove sareste disposti ad arrivare, pur di “ampliare la vostra coscienza”? Potreste scegliere la strada più lunga, la meditazione, lo yoga, lo zazen e via dicendo. Oppure potreste decidere di prendere la “scorciatoia” delle sostanze psicoattive, e cercare di “liberare la mente” attraverso lo yage o i funghetti mescalinici, o l’acido lisergico. Ma arrivereste mai al punto di prendere il vostro fido trapano Black&Decker a percussione, puntarvelo alla fronte e praticare un bel foro nel cranio, dal quale si possa vedere la dura mater che ricopre il cervello?

La trapanazione è stata praticata fin dal Neolitico. Era una pratica relativamente comune, con la quale si cercava di far “uscire” gli spiriti maligni dalla testa del malato. Secondo alcune interpretazioni dei dipinti rupestri, pare che i nostri antenati fossero convinti che praticare un foro nel cranio potesse curare da emicranie, epilessia o disordini mentali. L’intervento, popolare nelle aree germaniche durante il Medio Evo, sembra inoltre aver avuto un’alta percentuale di sopravvivenza – a giudicare dai bordi soffici dei fori sui teschi ritrovati, le ferite stavano cominciando a guarire:  sette persone su otto si riprendevano dall’operazione.

Flashforward al 1964. I tre protagonisti di questa storia si chiamano Bart, Amanda e Joseph.

Bart Huges, un giovane olandese che non aveva mai potuto finire gli studi di medicina per via del suo uso di stupefacenti, pubblica un incartamento underground intitolato Il meccanismo del Volume del Sangue al Cervello, conosciuto anche come Homo Sapiens Correctus. In questo piccolo, psichedelico saggio Huges parla di come il cervello del bambino sia così ricettivo perché le ossa del cranio sono elastiche e la fontanella alla cima della testa permette al cervello di “respirare”, ossia di sostenere la pressione del sangue proveniente dal cuore con una sua propria “pulsazione”. Crescendo, però, la fontanella si salda e le ossa si solidificano. Il nostro cervello rimane così rinchiuso in una vera e propria prigione. Praticando un foro nel cranio, si allenta la pressione del cervello e lo si libera, dandogli uno sfogo per “respirare” e rendendo possibile una sorta di sballo permanente, oltre che un ampliamento della coscienza senza precedenti. Bart Huges praticò su se stesso la trapanazione, l’anno successivo, nel 1965. L’operazione durò 45 minuti, ma per togliere il sangue dai muri occorsero 4 ore.

Con le sue bende che coprivano l’impressionante foro, praticato all’altezza del terzo occhio, Bart Huges divenne il guru della trapanazione, auspicando che tutti gli ospedali la praticassero gratuitamente, e arrivando a opinare che in un futuro non troppo lontano il buco in testa venisse praticato a tutti, a una certa età, per creare un’umanità evoluta e sensitiva.

Ora, penserete, in un mondo normale nessuno darebbe credito a un guru di questo tipo, e soprattutto alle sue fantasticherie pseudoscientifiche. Ma questo non è un mondo normale, e men che meno lo era quello dei favolosi Sixties, in cui la liberazione della mente era uno degli scopi principali dell’esistenza, assieme al libero amore e alla musica rock. Huges cominciò con il farsi un adepto, Joseph Mellen, un hippie piuttosto fatto che però ebbe il merito di fargli conoscere Amanda Feilding. Fra i due scoccò subito la scintilla della passione. Bart e Amanda convinsero il povero Joseph a trapanarsi – ma se Bart aveva usato un trapano elettrico, Joseph avrebbe dovuto usare un trapano a mano, “per convincere le autorità che anche le popolazioni del terzo mondo avrebbero potuto godere della tecnica”. Joseph, che aveva forse poca personalità ma di certo molta buona volontà, provò a bucarsi la testa con quel trapano, senza riuscirvi, forse anche a causa della quantità impressionante di LSD che si era calato per “calmare i nervi”.

Mellen ci riprovò per altre quattro volte, nell’arco dei quattro anni successivi, talvolta assistito da Amanda (che aveva nel frattempo lasciato Bart, e si era sposata con lui). Una volta, ancora strafatto di LSD, si era trapanato fino a svenire ed essere ricoverato d’urgenza. Un’altra volta aveva sentito “un sacco di bolle corrermi dentro la testa”, ma visto che l’estasi prevista non arrivava, aveva concluso che  il buco praticato doveva per forza essere troppo piccolo. Un’altra volta si ruppe il trapano, Joseph dovette interrompere l’operazione a metà, andare a chiedere a un vicino di riparargli l’utensile, e poi riprendere il “lavoro”. Infine, dopo tanti tentativi tragicomici, Mellen riuscì ad ottenere il suo bel buco, e il più grande e potente sballo della sua vita (a suo dire). Amanda, imparando dagli errori del marito, decise tre mesi dopo di tentare anche lei.

Filmata da Joseph, la sua fu un’operazione sopraffina, e divenne ben presto un filmato d’arte underground che ancora oggi pochi hanno avuto la fortuna (?) di vedere: Heartbeat In The Brain (1970). Il filmato, esplicito e duro, ebbe una certa eco negli ambienti artistici nei quali la Feilding era conosciuta.

Amanda Feilding è sempre stata più ambigua sul risultato della sua auto trapanazione; ha continuato a sostenerne gli effetti benefici con strenua convinzione, ma ha anche spesso sottolineato la “soggettività” delle sue posizioni. (A onor del vero, bisogna sottolineare che nessuno di questi ferventi fautori della trapanazione ha mai sostenuto l’auto trapanazione: vi sono arrivati dopo che nessun chirurgo si era prestato a soddisfare le loro richieste).

Dopo vent’otto anni assieme e due figli, Mellen e Fielding si separarono. Risposati, ognuno di loro convinse il rispettivo nuovo coniuge a farsi trapanare. In tutto, le persone trapanate al mondo dovrebbero essere circa una ventina. Fino a qualche anno fa era attiva anche una Church Of Trepanation, con sede in Messico, che proponeva per un modico prezzo una trapanazione operata da un chirurgo messicano compiacente. Oggi si è trasformata in un più sobrio Gruppo per la Trapanazione, con un sito ad appoggio delle teorie in favore di questa pratica.

Per saperne di più:

Trapanazione su Wikipedia (inglese) – Intervista-racconto ad Amanda Feilding – il documentario A Hole in The Head

Ricordando Hunter

Il Limite… non c’è un modo onesto per spiegarlo perché le sole persone che sanno veramente dov’è, sono quelle che l’hanno superato“.

Il 20 febbraio di 5 anni fa moriva suicida il grande Hunter S. Thompson.

Questo il suo biglietto d’addio, scritto pochi minuti prima di fare fuoco: “La stagione del football è finita. Niente più partite. Niente più bombe. Niente più camminate. Nessun divertimento. Niente più nuotate. 67. Sono 17 anni in più di 50. 17 in più di quanto io avessi bisogno o volessi. Noioso. Mi comporto sempre da stronzo. Nessun divertimento – per nessuno. 67. Stai diventando ingordo. Comportati secondo la tua età. Rilassati – non farà male“.

Hunter Thompson se n’è andato nel modo più consono e adeguato, quello che tutti i suoi fan sapevano avrebbe scelto. Le ceneri del “Dr. Gonzo”, grazie alla generosità del suo amico Johnny Depp, sono state sparate in cielo in un’urna esplosiva sagomata a forma di pugno chiuso con sei dita che stringono un peyote, un simbolo da lui stesso disegnato quale emblema del freak power.

Quando le cose si fanno strane, quelli strani diventano professionisti“.

Odio consigliare droghe, violenza o follia a chiunque, ma per me hanno sempre funzionato“.

Nulla è mai diventato abbastanza bizzarro per me“.

(Hunter S. Thompson)