L’uomo gufo

Alexander è un giovane cameriere russo: qualche anno fa, cominciando un allenamento in palestra, si è accorto che il suo collo aveva una particolare flessibilità. Così, con esercizi sempre più specifici, ha sviluppato questa elasticità oltre ogni limite immaginabile. Normalmente i muscoli del nostro collo ci impediscono di ruotare la testa oltre una certa angolazione, per prevenire danni alla colonna vertebrale. Alexander, invece, riesce a forzare questa “barriera” fisica e a girare il capo di 180° rispetto alla posizione naturale.

Il suo numero non manca mai di scioccare gli astanti, anche per via dei forti schiocchi e scricchiolii delle sue vertebre cervicali sotto pressione. Secondo gli esperti, questo genere di abilità fisiche anomale si verificano sempre a causa di una predisposizione genetica – quindi non vi conviene cercare di imitarlo.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=2XwHxv9ZMX0]

Scoperto via Absurdity Is Nothing.

Il vostro prossimo cucciolo – VIII

Pulito, simpatico da accudire e assolutamente innocuo se avete dei bambini: nessuna casa è completa se non ospita una Scotoplanes globosa, o almeno una Protelpidia murrayi!

Conosciute anche con il nomignolo inglese di sea pigs (porcellini di mare), queste due specie di cetrioli di mare si differenziano l’una dall’altra soprattutto per l’habitat in cui vivono. La Protelpidia abita nelle acque attorno all’Antartide, mentre la Scotoplanes si annida nei più profondi fondali abissali, a 6000 metri dalla superficie dell’acqua.

Possiedono diversi tubicini che hanno preso la forma di gambe “gonfiabili” a piacimento (sono gli unici cetrioli di mare in grado di usarli per la locomozione) e una grossa bocca per filtrare e mangiare i detriti che si depositano sul fondale.

Se ne voleste più di uno, potreste scoprire però una cosa curiosa: mano a mano che aggiungete nuovi maialini di mare al vostro acquario, diventano più piccoli. È stato scoperto infatti che le loro dimensioni variano a seconda della grandezza della colonia, così da rimpicciolirsi quando ci sono problemi di sovraffollamento.

Non si sa se siano creature sociali, anche se normalmente vengono trovate in branchi di diverse centinaia. Le correnti e/o la posizione favorevole per il cibo potrebbero averli spinti lì… ma il mistero rimane. Enigmatici, teneri e con un musetto irresistibile: che aspettate a procurarvene uno?